top of page

RIDUZIONE DELLE LISTE D'ATTESA

La gestione delle liste d’attesa ha raggiunto livelli di inefficienza non più accettabili dalla cittadinanza. I tassi di abbandono delle visite in Trentino sono raddoppiati negli ultimi anni, portando il cittadino a ripiegare su costose visite private o, nel caso non se le potesse permettere, a rinunciare semplicemente ai controlli mettendo a repentaglio la propria salute. In questa direzione è necessario, quanto inevitabile, fare momentaneo ricorso alle risorse e alla maggiore efficienza della medicina specialistica convenzionata che può supportare la grave situazione aziendale pubblica.

Si propone quindi di:

  • Incentivare e sovvenzionare l’intramoenia (ovvero l’attività esercitata dal medico all’interno dell’ospedale per fini privati) aumentando anche le ore che il medico può esercitare per attività privata nell’ospedale.

  • Aumentare i fondi per le visite tramite cliniche private per almeno un anno, utile a riportare le liste ad uno stato accettabile, delegando a queste tutte le visite che vanno più in là di 60 giorni di attesa creando un nuovo flusso di assegnazioni ed evitando sovrapposizioni.

  • Rafforzare seriamente le assunzioni di nuovo personale.

  • Favorire la crescita e la permanenza degli studenti della Scuola di Medicina di Trento.

  • Incentivare percorsi di carriera e crescita professionale aumentando l’attrattività del nostro territorio nei confronti di personale qualificato.

sfondosito.jpg
elezioni provinciali.png
il trentino sul serio logo.png
logo azione.png
logo valduga.png
bottom of page