top of page

COMUNICATO STAMPA: POSIZIONE SU LIFE USRUS DI AZIONE

Trento 20 aprile 2023

COMUNICATO STAMPA

La morte di Andrea ha sconvolto tutti noi. In particolar modo coloro che hanno figli non hanno avuto difficoltà a trasporre nel proprio contesto privato la tragedia che la famiglia Papi ha subito. A questa esprimiamo il più profondo e sentito cordoglio consapevoli di quanto questo, purtroppo, non possa ridare loro la serenità persa. Abbiamo scelto di non esprimerci a ridosso dell’accaduto per non essere noi stessi vittime di emozioni e rabbia che avrebbero messo a rischio la nostra obiettività. Quanto accaduto fa infatti capire come sia necessario innestare subito un cambiamento nel modo di affrontare i problemi del nostro amato territorio, passando dall’ormai intervento emergenziale a quello preventivo e programmatico. Il direttivo di Azione esprime vicinanza anche a tutti i Trentini che popolano le nostre splendide valli e che negli ultimi giorni sono bersaglio di campagne denigratorie che sviliscono quanto si sia fatto per coniugare natura e civilizzazione in modo virtuoso e sostenibile.


Affrontare il tema “grandi carnivori” è certamente complicato ed ancora più complesso è farlo oggi vista l’incuranza avuta negli scorsi anni, probabilmente causa principale dello spettacolo a cui stiamo assistendo. Le responsabilità devono essere circoscritte quindi a un ambito prettamente politico evitando, come alcuni agguerriti animalisti ed ambientalisti fanno, di addossare colpe a coloro che popolano e vivono con rispetto le nostre valli. La varietà faunistica e l’estensione dei boschi della nostra provincia, la presenza di 3 Parchi naturali protetti, l’innumerevole distribuzione di biotopi e punti sic Natura 2000 e lo stesso progetto Life Ursus dimostrano il livello di attenzione che noi trentini abbiamo su queste tematiche e rende immeritato qualsiasi attacco.


Ora, pur esprimendo solidarietà istituzionalmente dovuta al Presidente della nostra Provincia per le offese e le intimidazioni lanciate da estremisti e integralisti, chiediamo allo stesso di:


  1. prestare maggiore attenzione nelle comunicazioni ufficiali che egli fa mediaticamente. Non possiamo permetterci che parole e concetti espressi frettolosamente e istintivamente rischino di ritorcersi contro l’intero Trentino minando l’immagine che abbiamo costruito negli anni e che vede sempre il rispetto del territorio in vetta al nostro operare quotidiano;

  2. riportare la trattazione del problema a un livello più elevato, abbandonando l’approccio sensazionalistico e propagandistico poco rispettoso della comunità che egli rappresenta;

  3. fare luce sulle lacune organizzative, procedurali e tecniche che indubbiamente hanno portato il progetto Life Ursus a sfuggire di mano in questi ultimi anni (si vedano ad esempio: le gabbie inutilizzate, i collari non funzionanti, le latenze procedurali, i mancati investimenti, la sottostima delle aggressioni, gli errori e le approssimazioni nella scrittura delle ordinanze)

  4. valorizzare e massimizzare la capacità decisionale insita nell’Autonomia trentina, oggi svilita dai sempre più frequenti rimandi al contesto nazionale per tematiche e problemi che dovrebbero e potrebbero essere gestiti internamente.


Il Direttivo di Trentino in Azione




Comments


Commenting has been turned off.
bottom of page